07/10/2020 - Da Bruxelles pronti 1,7 miliardi per l'Italia destinati a sanità e ripresa economica.

Modificati 3 programmi di coesione per mobilitare la somma.

 

La Commissione europea ha approvato la modifica di tre programmi operativi della politica di coesione della Ue in Italia mobilitando quasi 1,7 miliardi di euro del Fondo europeo di sviluppo regionale (Fesr), per sanità e ripresa economica. Le modifiche ai programmi sono state possibili grazie alla flessibilità offerta eccezionalmente dalla Coronavirus Response Investment Initiative e dalla Coronavirus Response Investment Initiative Plus che permettono agli Stati membri di usare i fondi strutturali della Politica di coesione per finanziare e sostenere i settori economici più esposti alla pandemia.

Questi emendamenti, che riguardano 2 programmi nazionali, "Imprese e competitivita'" e "Infrastrutture e reti" e il programma regionale del Piemonte, libereranno fondi Ue per combattere gli effetti della pandemia di coronavirus contribuendo alla ripresa del Paese. Insieme al sostegno del sistema sanitario della Regione Piemonte, la maggior parte dei finanziamenti dei 3 programmi saranno messi a disposizione del capitale circolante delle piccole e medie imprese locali, principalmente attraverso garanzie sui prestiti tramite il Fondo Nazionale di Garanzia.
 
Le modifiche di questi programmi operativi aumenteranno anche temporaneamente il tasso di cofinanziamento al 100% per le azioni ammissibili, aiutando cosi' i beneficiari a superare la scarsita' di liquidita' nell'attuazione dei loro progetti.